Come diventare illustratore: formazione e consigli

Prodotti menzionati
Metti in mostra le tue abilità artistiche

Il tuo sogno nel cassetto è quello di lavorare come illustratore o illustratrice? Vorresti trasformare la tua passione per il disegno e la tua creatività in una vera professione? Allora sei nel posto giusto per capire come diventare illustratore e farti conoscere (online e offline) per ottenere i tuoi primi lavori e farti strada in questo settore. 

Cosa fa un illustratore?

Lavorare come illustratoreUn illustratore si occupa principalmente di realizzare immagini che vanno ad accompagnare un testo scritto (ad esempio un libro per bambini, un romanzo, un testo scolastico, ecc.) interpretando la storia narrata. In questo caso l’illustratore/illustratrice deve riuscire a “sposare” il proprio stile unico e il proprio punto di vista con le richieste e la visione del committente. 

Il campo in cui gli illustratori operano di più è quello dell’editoria, sia offline che online, ma possono essere impiegati anche dalle agenzie di marketing. Inoltre è possibile anche lavorare come illustratore freelance. 

Come diventare illustratore: capacità e corso di studi

Iniziamo col dire che per diventare un illustratore non occorre per forza avere seguito un corso di studio in ambito artistico. Quello che conta principalmente è avere talento, ottime abilità artistiche e molta creatività; queste sono buone basi per diventare un illustratore autodidatta. Tuttavia, per conoscere davvero bene e padroneggiare le diverse tecniche (ad esempio: matita, carboncino, acquerello, incisione, tempera, gessetti, pastelli, olio, tecniche digitali e via dicendo) è opportuno seguire un percorsi di studi in ambito artistico. 

Di solito il percorso formativo di un illustratore prevede l’aver frequentato un liceo artistico, l’accademia di belle arti, un istituto di design o di arte. Se non hai affrontato questa tipologia di studi, devi sapere che esistono anche corsi appositi creati da scuole di formazione e del fumetto presenti nelle varie città. Prima di iscriverti ad uno di questi percorsi formativi, però, ti suggeriamo di informati sulla validità del programma e degli insegnanti che lo svolgeranno.

Lavorare come illustratore: come farti conoscere

Lavorare come illustratore: farsi conoscereUna volta acquisita l’abilità tecnica necessaria, per trovare lavoro (soprattutto nel caso tu voglia diventare freelance) dovrai cercare di farti conoscere presentando il tuo stile unico e particolare, capace di distinguersi dalla massa. Come fare? Ti diamo qualche consiglio!

Come farti conoscere online

  • Crea il tuo sito web spiegando chi sei, qual è la tua storia, cosa ti ha spinto a diventare illustratore e mostra qual è il tuo stile creando una gallery con i tuoi lavori. Se non hai ancora avuto dei clienti, mostra foto ad alta risoluzione di progetti a cui hai lavorato spontaneamente. Un consiglio: crea dei lavori che raccontino una storia, così puoi far vedere agli editori in che modo sei in grado di  trasporre un testo in immagini.
    Se invece hai già collaborato con editori o aziende, puoi creare un vero e proprio sito portfolio su WordPress.
    Ti ricordiamo che con GoDaddy puoi creare un sito web anche se non sai programmare: registra subito il tuo dominio e apri il tuo sito web in meno di un’ora.  
  • Ottimizza i testi del tuo sito per i motori di ricerca, in modo da apparire tra i risultati di Google quando qualcuno fa ricerche inerenti alla tua professione, ad esempio nel caso un utente cercasse un “illustratore di libri per bambini”, oppure un “illustratore digitale”. In questo modo sarai pronto a farti trovare al momento giusto, nel posto giusto. 
  • Invia email di presentazione alle case editrici o agli art director e inserisci nel testo il link al tuo sito web per invitarli a scoprire di più sulle tue capacità come illustratore. 
  • Sfrutta i canali social come Instagram e Facebook, che ti danno la possibilità di far vedere le tue opere e raggiungere un pubblico ampio grazie agli hashtag. Crea anche un profilo LinkedIn e inizia ad instaurare una rete di contatti: ti sarà utile per mettere in mostra i tuoi lavori ad un pubblico di potenziali clienti. 

Come farti conoscere offline

  • Partecipa alle fiere del fumetto e dell’editoria: purtroppo nel momento in cui scriviamo questo articolo il Covid-19 non permette di partecipare a questi eventi, ma ci piace pensare positivo e guardare al futuro, cioè a quando l’emergenza sarà passata. Quindi, quando torneranno ad esserci questi eventi, munisciti anche di un portfolio cartaceo e fai vedere i tuoi lavori a fumettisti e agli “addetti ai lavori” nel campo dell’editoria. Ricorda di preparare dei biglietti da visita da lasciare loro per farti ricontattare!

Abbiamo visto come si diventa illustratore, ma ora è bene precisare che per arrivare al successo occorre talento, dedizione, pazienza e, perché no, anche un pizzico di fortuna. 

Continua ad applicarti per migliorare la tua tecnica, crea il tuo stile unico e fatti conoscere online e offline: l’occasione giusta potrebbe essere dietro l’angolo.