Come iniziare un progetto in ambito informatico

Products mentioned
Come smettere di procrastinare

Non sai come iniziare un progetto? Online puoi trovare innumerevoli risorse piene di consigli su come iniziare un nuovo progetto, tuttavia, la maggior parte di esse dà per scontato che tu abbia già un piano in mente. In realtà, proprio quel primo passo può essere la parte più difficile.

Pensa a qualcosa su cui stai temporeggiando, qualcosa che ti sembra grande e spaventoso, ma che sai che se ti ci impegnassi e lo portassi a termine, sentiresti un senso di realizzazione/di felicità/di orgoglio/di sollievo. Forse rimandi questa cosa grande e spaventosa sul tuo calendario settimana dopo settimana e non fai mai progressi, così ti senti sempre peggio mano a mano che il tempo passa.

Non deve essere per forza così.

In questo articolo parleremo di come iniziare un progetto, compresa la fase di “pre-avvio”, che consiste nel capire cosa si vuole fare, nel fissare obiettivi chiari e nello sviluppare delle fondamenta stabili su cui potersi basare man mano che il progetto procede.

Ma prima di tutto, iniziamo con il superare la paura di iniziare il progetto.

Come superare la paura di iniziare un progetto

Pensa attentamente a quello che sai di dover fare ma che non stai facendo. Come ti fa sentire?
Ansioso? Come se fossi pigro? Non bene? Come se stessi dimostrando a te stesso che non hai quello che serve e non ce l’avrai mai?

Tutte le nostre scuse per iniziare un progetto provengono da una qualche forma di paura – preoccupazione, dubbio, paragone, giudizio, eccetera – e bloccano praticamente tutti noi di tanto in tanto.

Quindi, invece di considerare il tuo progetto come una cosa grande e spaventosa, che ne dici di dividerlo in pezzi più piccoli? Tutto quello che devi fare è fare una lista di ogni piccolo passo che ti servirà per iniziare il tuo progetto nel suo complesso.

I grandi compiti possono far paura. I piccoli compiti sembrano molto più gestibili.
 

Se fai una lista di piccole cose da fare piuttosto che avere una sola cosa grande e intimidatoria da affrontare (e quando il primo elemento della lista è incredibilmente facile da realizzare) ti stai preparando per il successo. Ogni piccolo passo che fai ti porta più vicino a un senso di successo e di movimento in avanti, e questa sensazione crea dipendenza.

Potrebbe sembrare troppo semplice, ma funziona davvero.

Che si tratti semplicemente di una lista di passi, di un piano d’azione o di una linea temporale, spezzare l’intero progetto in attività più gestibili è il “pre-avvio” di cui hai bisogno per far decollare il tuo progetto con successo.

La parte più difficile per iniziare qualcosa che sembra grande e spaventoso è semplicemente questa: la parte in cui si deve iniziare.

Come iniziare un progetto: affrontare l’inizio

Iniziare un progetto: consigli per sviluppatori

Si potrebbe pensare che il semplice fatto di avere in mente il proprio progetto sia sufficiente per iniziare; tuttavia, assicurarsi che le prime fasi (e il progetto nel suo complesso) vadano effettivamente bene richiede un’attenta pianificazione.

Per iniziare qualsiasi tipo di progetto, grande o piccolo che sia, avrai bisogno di:

  • Sviluppare le tue idee in un piano tangibile.
  • Raccogliere gli strumenti e le risorse di cui avrai bisogno.
  • Fissare obiettivi e traguardi, e potenzialmente implementare una metodologia di sviluppo per aumentare le probabilità di successo.
  • Iniziare!

A questo punto, probabilmente avrai in mente un barlume di idea per il tuo progetto. Questa potrebbe avere la forma di un obiettivo vago, come “costruire un sito web”.

Questo semplice desiderio di base sarà la spina dorsale dell’intero processo, quindi faI in modo che sia qualcosa che ti appassiona.

La pianificazione iniziale per la maggior parte dei progetti inizia con carta e penna (o un file di testo, se preferisci). Per le prime ore o per i primi giorni dovrai concentrarti sulla realizzazione della tua idea iniziale.

Nel nostro esempio sulla realizzazione di un sito web, probabilmente per prima cosa prenderemo in considerazione la nicchia di mercato per il nostro sito web, creeremo la bozza di una dichiarazione di intenti e penseremo in generale a come sarà strutturato il sito.

Siamo volutamente vaghi, naturalmente, poiché si tratta essenzialmente di un processo di brainstorming. Anche se si vuole rimanere concentrati, è importante non limitarsi in questa fase ed evitare di affrettare le cose.

Stai costruendo uno scheletro di base, e questo richiede tempo.

Ad un certo punto, avrai pronto un solido schizzo del tuo progetto. Il passo successivo è quello di alzare la posta entrando nel vivo del progetto.

Organizza il tuo progetto

Se un programma come Cucine da incubo ci ha insegnato qualcosa, è che la concentrazione, la grinta e l’impegno per la tua causa possono portarti lontano. Tuttavia, ciò che potrebbe non essere così ovvio è quanto alto debba essere il tuo livello di organizzazione.

È questo aspetto che trasforma un’idea vaga in un progetto vero e proprio.

Gli chef sono rinomati per organizzare la loro cucina, gli strumenti e gli ingredienti prima di mettersi al lavoro. “Mise en place” è il termine che viene usato per spiegare questo processo, e tradotto approssimativamente significa “ogni cosa al suo posto”.

In altre parole, vorrai prima raccogliere tutto ciò che ti serve, metterlo in ordine e poi metterti al lavoro.

Così come le cucine vengono preparate meticolosamente, così dovrebbe essere anche il tuo progetto. Per applicare la metodologia della mise en place, prendi lo schizzo che hai fatto riguardo al tuo progetto e considera le seguenti domande:

  • Quali “pezzi dell’ingranaggio” dovrai mettere insieme? In altre parole, quali sono le parti costitutive del tuo progetto e di cosa hai bisogno per crearle (e poi combinarle)?
  • Ci sono strumenti o risorse che ti aiuteranno a sviluppare il tuo progetto?
  • In quale ordine inizierai a mettere insieme il tuo progetto?

Quest’ultima domanda può essere difficile, poiché molti progetti diventano rapidamente tentacolari e disordinati se lasciati senza controllo. Ecco perché, prima di iniziare, è utile essere il più chiaro possibile sui tuoi obiettivi e sulla tabella di marcia.

È qui che potrebbe essere utile creare la tua lista di piccoli passi per arrivare alla “cosa grande e spaventosa”.

Stabilisci gli obiettivi per il tuo progetto

Certo, sviluppare e iniziare un nuovo progetto può farti sentire come se ti stessi inoltrando nell’oscurità. Guarderai avanti per scoprire ciò che devi fare, prima di tornare a concentrarti e proseguire con il processo di pianificazione.

Per dirla in un altro modo, spesso scoprirai che c’è una sovrapposizione tra le varie fasi di pianificazione di un progetto.

Mentre guardi avanti verso gli obiettivi e i traguardi del progetto e i suoi elementi più ampi, dovrai anche considerare come implementare il lavoro necessario per raggiungere ogni fase.

Ne parleremo meglio nella prossima sezione, ma per ora, tieni presente che la tua metodologia di sviluppo influenzerà probabilmente la definizione degli obiettivi. Finché sarai consapevole che potresti dover passare da una fase all’altra, andrà tutto bene.

Rendere i tuoi obiettivi SMART (specifici, misurabili, realizzabili, rilevanti e scadenzati) è un modo logico e provato per raggiungere gli obiettivi del tuo progetto.

Ti consigliamo anche di prenderti il tuo tempo con questo step.

Ci sono due parti – accertare quali sono le pietre miliari che costituiscono il progetto e assicurarsi che siano abbastanza SMART – ed entrambe sono vitali. Dopodiché, la parte finale della pianificazione si basa sull’utilizzo di una metodologia solida.

Consolida la metodologia del progetto

La maggior parte di coloro che lavorano professionalmente nello sviluppo di software hanno già familiarità con le metodologie. Sono essenzialmente il modo in cui le cose vengono fatte giorno per giorno.

Una metodologia forte è essenziale per completare un progetto, e può sia migliorare la tua efficienza che affinare il tuo focus.

Molte aziende utilizzano il metodo Agile o Scrum, anche se di solito questi metodi sono basati sul lavoro di squadra. Questo è fantastico se si lavora in un gruppo. Tuttavia, se sei un professionista che lavora da solo è utile cercare metodologie più adatte.

Ad esempio, la Waterfall Technique è un modo solido per avviare e portare a termine un progetto, soprattutto se la tua progettazione è a prova di bomba.

Tuttavia, ci sono molte altre opzioni.

Se non hai ancora una preferenza, Extreme Programming (XP) e Test-Driven Development (TDD) sono solo due delle tante scelte disponibili.

Conclusione

Se un tipo creativo, potrebbero venirti in mente potenziali progetti con una certa frequenza. La maggior parte di essi, tuttavia, verrà probabilmente dimenticata, soprattutto perché non avrai modo di farli decollare rapidamente.

Fortunatamente, ci sono quattro fasi di pianificazione che possono aiutarti ad agganciare un razzo alla vostra idea e a trasformarlo in un MVP (o meglio).

Per prima cosa, dovrai superare la paura di iniziare il tuo progetto. Poi vorrai fare un brainstorming della tua idea, sfruttare il concetto di mise en place e infine creare obiettivi SMART in combinazione con una metodologia adeguata.

Dopodiché, avrai gettato solide fondamenta che ti permetteranno di iniziare il tuo progetto!

 

Questo articolo include contenuti originariamente pubblicati sul blog di GoDaddy da Jessica Swift.