Corso Milano 127: un learning center che integra online e offline

Condivisione del sapere

Apprendere aiuta a crescere, sia personalmente che professionalmente, ed è un processo continuo e necessario per ogni professionista e azienda che vuole sviluppare le proprie potenzialità ed essere sempre al passo con l’evolversi della tecnologia e del mercato.
Corso Milano 127 è un learning center veronese che ha fatto della condivisione del sapere il proprio core business.
All’interno di questo spazio polifunzionale i singoli e le imprese possono organizzare corsi di formazione, workshop, presentazioni e incontri commerciali.

Abbiamo chiesto a Paolo Quagini, CEO di Bentobox, di raccontarci la storia di questo business e di come ha sfruttato gli strumenti digitali per farsi conoscere da un pubblico di clienti sempre più ampio. 

Corso Milano 127: logoDi che cosa si occupa Corso Milano 127? Qual è la sua storia e la sua filosofia? 

Corso Milano 127 nasce come luogo di condivisione del sapere: un posto dedicato ai liberi professionisti e alle aziende che credono nella formazione come elemento fondamentale per lo sviluppo delle proprie potenzialità. È il luogo ideale per ospitare corsi, piccoli eventi e meeting aziendali o di privati che reputano essenziale condividere il sapere. Da diversi anni, ormai, ha come “ospiti fissi” i formatori di Bentobox, agenzia di comunicazione digitale. 

Quali sono i vostri consigli per creare e aprire un learning center? Cosa serve, sia a livello pratico che “personale”? 

A livello pratico servono spazi polifunzionali, in grado di adattarsi rapidamente alle diverse esigenze che possono avere i liberi professionisti e le aziende. Spazi moderni, luminosi, dotati dei principali comfort e delle giuste tecnologie per organizzare corsi di formazione, workshop e incontri commerciali. 

Gli strumenti digital come il sito web, hanno aiutato la vostra attività a crescere e a farsi conoscere dal pubblico? In che modo li sfruttate? 

Il sito web di Corso Milano 127 rappresenta una vetrina importante: ci permette di mostrare gli spazi e i servizi a disposizione dei professionisti e delle aziende. 

Corso Milano 127: corsoQuali impatti ha avuto la diffusione del Coronavirus sulla vostra attività e come avete superato eventuali difficoltà? 

Prima del Coronavirus i corsi di formazione e i workshop avvenivano tutti in presenza ma già dal primo lockdown abbiamo riorganizzato le nostre offerte formative e le abbiamo trasferite online. Prontezza e spirito di adattamento sono stati fondamentali per noi, così come i clienti che ci hanno seguito in questa transizione. Ad oggi molti dei corsi sono tornati in sede, altri sono rimasti online o nella modalità “blended”, in parte online e in parte in presenza. Ciò che conta davvero è fare un uso consapevole dello spazio fisico quanto di quello remoto

La strada per aprire un’attività di successo può essere lunga. Da cosa è partito tutto e cosa vi ha ispirato? Cos’è che vi ha fatto decidere di mettervi in gioco e di aprire questa impresa? 

Da sempre crediamo nel potere della condivisione, in primis del sapere. Abbiamo sempre voluto condividere questa mission con altre aziende e con professionisti che la pensassero come noi.
Ogni esperienza è per noi fonte di grande ispirazione

Qual è stata un’esperienza del percorso imprenditoriale che ricordate con soddisfazione? 

Corso Milano 127: sala meetingÈ difficile sceglierne una, soprattutto per i formatori di Bentobox – i principali ospiti di questo spazio – che ormai da molti anni portano avanti corsi di formazione di ogni tipo (one-to-one, o di gruppo, possibili grazie all’ampio spazio della sala principale di Corso Milano 127). Sono clienti sia i liberi professionisti di alto livello che le PMI che hanno voglia di creare o ridisegnare la loro identità sul digitale. Ogni percorso è del tutto personalizzato sulla base delle esigenze del cliente. 

C’è stato un momento di svolta per Corso Milano 127? Qualcosa che vi ha dato quello “slancio in più” per superare eventuali difficoltà? 

Un momento di svolta per Corso Milano 127 è stato quando abbiamo iniziato a tenere anche mini-eventi, conferenze per associazioni e più in generale eventi esclusivi per un pubblico ristretto. Quando li abbiamo introdotti abbiamo capito il potenziale del luogo in termini di focus, accoglienza e sviluppo. 

Avete un sogno per la vostra attività, uno o più obiettivi che vorreste raggiungere? 

Il nostro desiderio è quello di trarre degli insegnamenti da questa esperienza collettiva della pandemia, e di dare un contributo per immaginare un mondo migliore e diverso da quello precedente, senza solo un ritorno al passato. 

L’esperienza è una grande maestra. Raccontateci un errore da evitare quando si apre un learning center come il vostro, sulla base di ciò che avete imparato e di quello che non ha funzionato per voi. 

Corso Milano 127: personaleIn attività come questa ci sono due aspetti che sono fondamentali: l’organizzazione e la precisione. Se ci sono queste due componenti è difficile sbagliare. Soprattutto quando ci sono diverse richieste per la prenotazione degli spazi è essenziale tenere traccia di tutto: non solo del periodo di prenotazione – la base – ma anche delle richieste specifiche in merito ai servizi. Nella nostra esperienza abbiamo imparato che è sempre meglio fare una domanda in più sulla gestione degli spazi e degli optional, e non dare nulla per scontato. 

Date ai lettori un consiglio per aumentare la visibilità online sulla base di ciò che ha funzionato per voi. 

Avere un sito web è un’ottima base di partenza ma investire nel suo costante aggiornamento e nella sua promozione lo è ancor di più. Senza contare che, per funzionare davvero, è necessario trovare il giusto marketing mix tra online e offline. 

Perché avete scelto di utilizzare gli strumenti di GoDaddy? 

Sono due i motivi che ci hanno spinto a scegliere GoDaddy: il primo riguarda gli strumenti online che ci mettete a disposizione – semplici ma molto efficaci – e il secondo è l’assistenza in lingua italiana, un fattore per nulla scontato.

Chiara è una Web Content Specialist laureata in comunicazione digitale. Da 7 anni lavora nel mondo digital come content strategist e copywriter. Le piace scrivere, ha una passione per il dinamico mondo della comunicazione online, il rock e la pizza.