Cosa sono i KPI e come scegliere quelli più adatti al tuo business

Prodotti menzionati
Una bussola per guidare il tuo cammino

Sapere cosa sono i KPI è importante per il successo di ogni impresa, perché questi fattori consentono di capire se si sta andando nella direzione giusta per raggiungere gli obiettivi prefissati. Scopriamo di più.

Definizione di KPI

Definizione di KPIKPI è acronimo del termine inglese Key Performance Indicator, che potremmo tradurre in italiano con “Indicatore Chiave di Performance” o “Indicatore Chiave di Prestazione”. Si tratta di un set di misure quantificabili che permettono di capire se un’impresa (o un individuo) si sta muovendo in modo efficace per raggiungere i risultati desiderati.
In poche parole, i KPI sono metriche che permettono di capire se un’azienda sta raggiungendo i propri obiettivi operativi e strategici in modo efficace ed efficiente.

Esempi di KPI

Ora che sappiamo qual è il significato di KPI, facciamo qualche esempio concreto di indicatori per capire meglio di cosa stiamo parlando.

Devi sapere che esistono diverse tipologie di KPI, e non sono tutti adatti a ogni impresa.

I Key Performance Indicator dipendono infatti dagli obiettivi specifici di ogni azienda.

 

Alcuni indicatori di tipo finanziario sono:

  • Entrate
  • Numero di vendite 
  • Profitto netto
  • Customer Lifetime Value: il valore totale che un cliente ha nel tempo per la tua azienda
  • ROI: il ritorno sull’investimento (Return On Investment)

Quando pensiamo al mondo digital, invece, tra i KPI più diffusi possiamo trovare ad esempio:

  • Page views: il numero di pagine viste di un sito
  • Click Through Rate: la percentuale di persone che atterrano sul sito dopo aver fatto una determinata ricerca su Google oppure dopo aver visto un annuncio sponsorizzato.
  • Cost Per Lead: cioè il costo sostenuto in campagne di marketing per ottenere un potenziale cliente.
  • Conversion Rate: il tasso di conversione, ossia la percentuale di utenti unici che hanno risposto ad una determinata call to action su una pagina (es: concludere un acquisto, compilare un form, ecc.)
  • Engagement: il livello di coinvolgimento delle persone verso un brand o un’impresa. Viene usato soprattutto nel Social media marketing.

Questi sono solo alcuni dei tanti indicatori chiave di performance che è possibile monitorare, e la lista completa potrebbe dimostrarsi molto varia. Esistono infatti anche indicatori utilizzati per esaminare degli obiettivi interni ad un’azienda (ad esempio il tasso di soddisfazione dei dipendenti, l’employee engagement e così via), o per valutare il suo impatto ambientale, come la water footprint (impronta idrica) o il consumo di energia.

Le opzioni a disposizione sono tantissime, ma come si fa a scegliere i KPI più adatti ai propri obiettivi?

Correlato: KPI per e-commerce: quali tenere d’occhio

Come scegliere gli indicatori KPI più efficaci

Il primo passo per individuare i KPI più efficaci per la tua attività è quello di porti delle domande.

  • Quali sono i tuoi obiettivi?
  • Quali risultati vuoi ottenere?
  • Quali sono le priorità per il tuo business?
  • Sono quantificabili facilmente?

Ricorda: un indicatore chiave di performance dev’essere sempre strettamente connesso ad un obiettivo importante e realistico.

Sulla base delle risposte alle domande sopra, pensa ai KPI più utili per misurare il progredire della tua attività verso l’obiettivo. Non strafare: individua dai 2 ai 4 indicatori per ogni obiettivo, in modo da non perdere il focus e perderti in un mare di dati.

Dopo aver pensato agli indicatori che ti sembrano più utili, per capire se sono davvero efficaci dovrai valutare i seguenti aspetti per ogni singolo indicatore:

  • Considerando questo KPI, sono in grado di agire in modo da influenzare il risultato, oppure si tratta di qualcosa fuori dal mio controllo?
  • Il KPI si collega bene all’obiettivo che voglio raggiungere e alla mia strategia generale?
  • Può essere misurato facilmente e in modo rapido?
  • È in grado di mostrarmi il livello di avanzamento verso l’obiettivo?
  • Sarà ancora rilevante in futuro?

Se i KPI identificati sono efficaci, ora dovrai pensare a chi si occuperà di monitorare ogni KPI e con quale frequenza.

Bene, abbiamo visto cosa sono i KPI, alcuni esempi di indicatori chiave di prestazione e quali domande porti per trovare quelli più adatti al tuo business. I tuoi Key Performance Indicator saranno fondamentali per capire a che punto ti trovi del tuo “viaggio” verso l’obiettivo e ti aiuteranno a prendere decisioni utili per il tuo business.

E se dopo un po’ di tempo ti accorgi che un KPI non è davvero appropriato per la tua attività? Niente paura, puoi sempre rivedere i tuoi indicatori e trovarne altri di più efficaci.