Naming di prodotto: come trovare un nome efficace

Products mentioned
Trova l'idea geniale!

Anni fa, quando lavoravo per mio suocero, abbiamo cercato di aiutare uno dei nostri fornitori con il naming di prodotto per alcuni additivi per mangimi utilizzati nell’allevamento di animali.
Lasciatemi dire che i nomi iniziali erano pessimi. Semplicemente terribili. Vi faccio un paio di esempi. Diteli ad alta voce.

CI 3-4 Pollame e CI 5-4 Suini.

Già.

I nostri tentativi successivi hanno dato agli additivi un nome più descrittivo: Global-Life. Molto meglio.
Tuttavia, avrei voluto sapere meglio come dare un nome ad un prodotto molto prima nella mia carriera. È stato solo quando ho iniziato a prestare attenzione alle diverse convenzioni e “regole” di denominazione dei prodotti che ho iniziato a proporre nomi di qualità.

Come dare un nome a un prodotto: 9 consigli per il successo

Per aiutarvi ad evitare gli errori che ho fatto io all’inizio, ecco nove consigli per dare un nome a un prodotto o persino a un’azienda.
Non sono però nove passi sequenziali da fare, perché un paio – usare parole vere e inventare parole – sono contraddittori. Scegliete invece alcuni di questi suggerimenti e seguiteli per trovare il nome migliore per il vostro prodotto.

  1. Fate il brainstorming di decine, se non centinaia, di opzioni.
  2. Siate descrittivi.
  3. Mantenetelo breve e incisivo.
  4. Rendetelo facile da dire e da scrivere.
  5. Rendetelo piacevole da dire e da ascoltare.
  6. Usate parole vere, ma cambiatele leggermente.
  7. Inventate parole.
  8. “Verbificate” il nome.
  9. Fate le vostre ricerche.

E quando hai finito, trova qualcuno che ti aiuti a trovare le componenti visive. Il che significa che non dimenticate che avrete bisogno di un logo quando tutto questo sarà stato detto e fatto.

1. Fate il brainstorming di decine, se non centinaia, di opzioni

“Prima idea, migliore idea” non è un buon metodo per il naming di prodotto.

Dopo tutto, c’è una buona probabilità che altre persone abbiano pensato a questo stesso nome e lo abbiano usato.

L’unico modo per ottenere quel nome di prodotto di primo pensiero è quello di inventare qualcosa che nessun altro ha mai creato.

Iniziate a fare brainstorming su idee diverse sul prodotto. Pensate a termini correlati che definiscano cos’è, cosa fa, i problemi che risolve, le persone che lo useranno, il luogo in cui viene usato e così via.

Facciamo un esempio: avete sviluppato un tipo speciale di luce notturna che viene azionata tramite comando vocale. Fate una lista di alcuni dei diversi nomi che potreste usare se fosse, per esempio:

  • Usata come luce per le stanze dei bambini.
  • Per illuminare un bagno nel cuore della notte.
  • Come dispositivo di sicurezza in un edificio per uffici.
  • Una luce per animali domestici.
  • Una luce di sicurezza per un museo.

Tutti questi diversi utilizzi possono aiutarvi a creare molte idee diverse per i nomi, ognuna basata su dove viene usata la luce e chi la usa.

Quindi, cercate di capire quanti più termini riuscite a trovare – per ogni uso – e poi applicate alcuni dei prossimi consigli per trovare il nome-prodotto migliore.

Già che ci siete, date un’occhiata alla concorrenza. Che tipo di strategie di naming utilizzano? Usano nomi scritti in modo strano o nomi divertenti e spiritosi? Dovrete seguirne l’esempio. Sono più conservatori e formali? Probabilmente conoscono molto bene il mercato, quindi non è il momento di essere intelligenti e spiritosi.

Torna all’inizio

2. Siate descrittivi

Il nome dovrebbe essere descrittivo. Dovrebbe comunicare alle persone cosa fa il vostro prodotto o cosa dovrebbero aspettarsi da esso. Può non essere eccitante, ma un nome descrittivo vi aiuterà a superare uno dei vostri ostacoli più grandi.

Uno dei migliori nomi di prodotto? Internet Explorer di Microsoft.
È un nome descrittivo di grande effetto. Idraulico Liquido è un altro grande nome. Non c’è dubbio su cosa faccia esattamente questo prodotto.

Il nome può non essere eccitante o emotivamente evocativo, ma a seconda del mercato e del target di riferimento, si può desiderare un nome più descrittivo possibile, anche se un po’ noioso.

Torna all’inizio

3. Mantenete il nome di prodotto breve e incisivo

Il nome del vostro prodotto deve essere anche breve e andare dritto al punto. Riesco sempre a capire quando le persone che non si occupano di marketing sono responsabili del product naming, perché i nomi sono proprio, beh, pessimi.

Troppo lunghi, inutilmente descrittivi, mediocri tentativi di spiritosaggine… la lista continua.

In sostanza, più lungo è il nome, più è difficile attirare l’attenzione della gente. I nomi lunghi possono essere descrittivi e completi, ma sono troppo lunghi per essere davvero memorabili.

Allo stesso modo, anche se avete un nome di prodotto composto da due o tre parole, fate in modo che non siano troppo lunghe, altrimenti la gente inizierà ad abbreviarle e non potete controllare quali useranno, il che significa che, se scelgono un’abbreviazione che non avete preso in considerazione, tutto il marketing e il branding del vostro prodotto andranno sprecati.

Torna all’inizio

4. Rendetelo facile da dire e da scrivere

Non farò nomi, ma ho visto alcuni nomi di aziende e di prodotti che sono troppo oscuri e difficili da capire e da pronunciare. La cosa peggiore che si può fare al proprio prodotto è dargli un nome impronunciabile e complicato da scrivere.

Naming di prodotto: esempio Fish

Immaginate di fare uno spot radiofonico per Ghoti Window Cleaner e di pronunciarlo come “Fish”. Quante persone pensate che cercheranno Ghoti e quanti cercheranno Fish?

Se il nome del vostro prodotto è difficile da pronunciare, la gente non ne parlerà e se non riesce a scriverlo (e a scriverlo correttamente) quando lo sente, come vi aspettate che lo cerchino su Google? Tenetevi sul semplice e non scegliete un’ortografia stravagante solo per il gusto di fare i simpatici.

Dite il nome ad alta voce un paio di volte e assicuratevi di poterlo pronunciare facilmente. E se avete più di una parola nel nome del vostro prodotto, scegliete una struttura che faccia in modo che le parole fluiscano facilmente.

Scrivete il nome e chiedete alla gente di leggerlo ad alta voce. Idealmente, saranno in grado di pronunciare tutte le parole senza alcun aiuto o suggerimento.
Se la maggior parte delle persone ha problemi, dovreste scegliere un altro nome di prodotto. Non dovreste dover spiegare più e più volte come si pronuncia un nome, altrimenti nessuno lo conoscerà.

Torna all’inizio

5. Rendetelo piacevole da dire e da ascoltare

Lo studio della fonaestesia consiste nello studio di parole belle e piacevoli, senza tener conto del reale significato delle parole. Per farla breve, è importante il modo in cui una parola suona, non il suo significato.
Pensa alla marca di bibite Schweppes. Dillo ad alta voce. Non si tratta del fastidioso suono per zittire emesso dai bibliotecari irritati. È profondo e ricco, ed è solo divertente da dire. Il nome del tuo prodotto dovrebbe essere divertente e piacevole da dire o da ascoltare.

Torna all’inizio

6. Usate parole vere, ma cambiatele leggermente

Ci sono alcuni modi in cui potete utilizzare parole reali nel naming di prodotto, ma modificandole in modo che siano adatte al vostro scopo.
Tanto per cominciare, è ancora di grande tendenza nel product naming eliminare una vocale vagante da un nome: Tumblr, Flickr, ecc.

Si può prendere una parola vera e propria e rimuovere una lettera o due, rendendola unica, ma distinguendovi comunque dalla concorrenza.

Inoltre, usate le metafore.

La Ford Mustang non è proprio un cavallo, ma è veloce e potente, come un cavallo selvaggio. Le metafore sono un ottimo modo per dare un nome a un prodotto cambiando il significato della parola, anche se ne usate una reale.

Si potrebbe anche aggiungere un prefisso o un suffisso a una parola. iPod, E-Trade, e Heinz 57 sono alcuni esempi.
Quante volte avete fallito prima di riuscire a creare un prodotto funzionante? Aggiungetelo alla fine del nome del vostro prodotto.

Torna all’inizio

7. Inventate parole

Naming prodotto: inventare parole
Tutte le parole sono inventate. Shakespeare stesso ha inventato più di 1.700 parole, quindi non c’è niente di male nel creare una parola o due che si adattino ai vostri sforzi per trovare un nome di prodotto. Ecco alcuni modi per farlo.

Parole composte: è quando si combinano due parole per creare un’unica nuova parola. Per esempio, “smog” è un portmanteau di smoke+fog.

Acronimi: Una parola creata dalla prima lettera di altre parole, come PC (Personal Computer).

Usare un nome: le bibite analcoliche Schweppes hanno preso il nome da Johann Jacob Schweppe. Il Gatorade prende il nome dalla University of Florida Gators, dove il prodotto è stato realizzato. Anche il French toast prende il nome dal locandiere americano del XVIII secolo Joseph French, che per primo lo fece e lo vendette negli Stati Uniti.

Inventare una parola: Sul serio! Una parola tutta nuova! Doritos e Fritos sono parole inventate, quindi perché non puoi inventare anche la tua parola?

Torna all’inizio

8. “Verbificate” il nome

Di solito non sono un grande fan del trasformare i nomi in verbi, ma ci sono alcuni nomi di prodotti sono nati con un sostantivo, ma che poi sono diventati un verbo naturalmente.
Potreste “googlare” la risposta a una domanda o “twittare” un commento ad un telefilm.

Quando date un nome al vostro prodotto, vedete se potete facilmente trasformare il nome in un verbo. Il nome del prodotto, o una sua versione, si presta ad essere verbificato? Ditelo ad alta voce un paio di volte e vedete se scorre naturalmente in una frase.

Torna all’inizio

9. Fate le vostre ricerche

Prima di fissarvi su un nome, dovete assicurarvi che non sia già stato preso da altri. Questo dovrebbe accadere abbastanza presto nel processo di naming di prodotto, mentre si stanno ancora scegliendo i possibili nomi.

Uno dei modi migliori per scoprire se un nome può anche solo essere preso in considerazione è vedere se qualcun altro lo sta usando per lo stesso prodotto.
Se è così, andate oltre e cercate un altro nome. Ma se non è così, il nome di prodotto è tutto vostro.

Create una lista delle 10 scelte di nomi più importanti e poi iniziate a fare ricerche online per vedere se esistono altrove.


Cercate su Google il nome tra virgolette, perché questo dice a Google che deve “cercare esattamente questa parola/frase”.
Controllate su GoDaddy per vedere se il nome di dominio è disponibile. Se lo è, prendete in considerazione l’acquisto, anche solo per evitare il cybersquatting.

Consultate un avvocato specializzato in proprietà intellettuale per verificare la presenza di diritti d’autore e marchi registrati.

Iniziate subito, cercate il dominio che vi interessa:

Se non trovate nessuna corrispondenza per nessuno dei vostri 10 articoli più importanti, siete pronti a partire! Scegliete quello che vi piace di più e costruite un impero. Ma se qualcun altro possiede già tutti i vostri nomi migliori, tornate a fare un po’ di brainstorming.

 

Questo articolo include contenuti originariamente pubblicati sul blog di GoDaddy dai seguenti autori: Christopher S. Penn e Raubi Perilli.