Aprire una gelateria per passione: la storia di Nosh – Il gelato in boutique

Prodotti menzionati
Creare un prodotto 100% artigianale

Chi non ama gustare un buon gelato? Nosh – Il gelato in boutique, è una gelateria artigianale milanese nata proprio dalla passione per questo delizioso e rinfrescante dessert, ma anche da un atto di amore. L’idea di aprire una gelateria in cui i prodotti vengono preparati con assoluta attenzione per i dettagli e per le materie prime, è venuta ad Antonella Vienna che, collaborando col mastro gelataio Fabio Finizza, nell’estate 2020 ha realizzato il suo progetto di business e ha aperto le porte di questa attività.

Antonella Vienna e Fabio Finizza
Antonella Vienna e Fabio Finizza

Abbiamo chiesto ad Antonella di raccontarci cosa l’ha spinta ad intraprendere questo percorso imprenditoriale e di spiegarci in che modo gli strumenti digitali come il sito web e i social sono stati fondamentali per far conoscere e crescere la sua attività.

Di che cosa si occupa Nosh Gelato? Qual è la sua storia e la sua filosofia? 

Nosh, slang inglese che significa “spuntino”, è una gelateria gourmet che produce gelato artigianale con materie prime di eccelsa qualità, scelte da piccoli produttori locali. Il nostro gelato è veramente artigianale dato che non usiamo alcun prodotto o base già pronta. Utilizziamo soltanto lo zucchero strettamente necessario e abbiamo gusti vegani e senza glutine. Usiamo solo frutta di prima scelta, pertanto il nostro prodotto è anche healthy. L’attenzione ai materiali ecofriendly è un altro dei nostri valori. 

Nosh è nata da un atto d’amore, per il gelato ma non solo: per anni, infatti, sono andata in cerca del gelato perfetto per mio marito, vero e proprio amante di questo dessert. Poi, un giorno ho incontrato Fabio Finizza, anch’esso appassionato di gelato e con una carriera da store manager nel settore bakery. Da qui l’idea: aprire una gelateria, con Fabio a dirigere la parte produttiva.  

Cosa serve, sia a livello pratico che “personale”, per aprire una gelateria artigianale come la vostra? 

Nosh gelato: le materie primeServe sicuramente determinazione nel cercare produttori di alto livello per le materie prime, poi sono necessarie esperienza e passione nella lavorazione del prodotto.

Gli strumenti digital come il sito web, hanno aiutato la vostra gelateria a crescere e a farsi conoscere? 

Certamente. All’inizio ci hanno permesso di pubblicizzare la gelateria nel quartiere e a Milano e di acquisire follower, poi con le sponsorizzazioni ci siamo fatti conoscere anche ai contatti dei nostri follower ampliando le persone a cui abbiamo presentato i nostri prodotti. Tramite i social abbiamo la possibilità di far conoscere come lavoriamo e quali sono i nostri valori, è una vetrina virtuale, perciò prestiamo molta attenzione sia ai contenuti che alle immagini. Ci teniamo a far sapere alla gente cosa intendiamo noi per “artigianalità” e materie prime di qualità. Il sito web come strumento digital è fondamentale per il delivery dato che le persone possono ordinare non soltanto telefonicamente ma prenotando e pagando direttamente sul sito.

Quali impatti ha avuto la diffusione del Coronavirus sulla vostra attività e come avete superato eventuali difficoltà? 

Abbiamo aperto proprio durante il lockdown (a luglio 2020) per cui abbiamo fatto fatica a farci conoscere, ma ci siamo rimboccati le maniche e tramite i canali digital, il delivery e il passaparola siamo riusciti ad avviare l’attività. Crediamo che un prodotto di qualità, unito a determinazione e creatività, sia sempre premiante.

La gelateria Nosh a MilanoLa strada per aprire un’attività di successo può essere lunga. Da cosa è partito tutto e cosa vi ha ispirato? Cos’è che vi ha fatto decidere di mettervi in gioco e di intraprendere questo percorso? 

Ci ha ispirato il fatto che non esistano gelaterie veramente artigianali, nel senso che noi usiamo solo ingredienti accuratamente selezionati, biologici e di piccoli produttori: latte, panna, farina di carrube, frutta e zucchero (se necessario). È questo il segreto del gelato di Nosh, 100% naturale, 100% artigianale, prodotto fresco ogni giorno, senza coloranti, né additivi o conservanti. La passione e la voglia di metterci alla prova, non trovando un prodotto all’altezza della nostra passione, ci hanno fatto decidere di metterci in gioco per crearlo noi quel prodotto.

C’è stato un momento di svolta per la vostra attività? Qualcosa che vi ha dato quello “slancio in più” per superare eventuali difficoltà? 

Premesso che le difficoltà in questo momento sono tante per tutti e che come abbiamo scritto sopra abbiamo aperto proprio durante il lockdown, lo slancio continua a darcelo la nostra passione, la voglia di creare prodotti nuovi, la nostra filosofia positiva e soprattutto il riscontro dei nostri clienti.

Avete un sogno per la vostra attività, uno o più obiettivi che vorreste raggiungere? 

Nosh gelato: cliente in negozioNe abbiamo tantissimi, soprattutto aprire qualche punto vendita all’estero. In primis vorremmo aprirne uno a Londra, del resto il nome della gelateria nasce da lì. Londra è una città magica che ci piace moltissimo e i londinesi apprezzano molto il gelato. Inoltre è una città internazionale, per cui un test lì ci sarebbe utile per migliorare ulteriormente e avere nuove idee e nuovi spunti.

L’esperienza è una grande maestra. Raccontaci un errore da evitare quando si apre una gelateria artigianale come la vostra, sulla base di ciò che avete imparato e di quello che non ha funzionato per voi. 

Per fortuna finora non abbiamo fatto errori perchè siamo aperti da poco e stiamo molto attenti a tutto. Però l’esperienza ci ha insegnato che i fornitori vanno seguiti personalmente. 

Date ai lettori un consiglio per aumentare la visibilità online sulla base di ciò che ha funzionato per voi. 

Consigliamo di creare e diffondere visual di qualità e dei buoni contenuti per far conoscere il prodotto e chi lo fa, i propri valori, la storia e la mission aziendale.

Chiara è una Web Content Specialist laureata in comunicazione digitale. Da 7 anni lavora nel mondo digital come content strategist e copywriter. Le piace scrivere, ha una passione per il dinamico mondo della comunicazione online, il rock e la pizza.