Sospensioni elettroniche per bici: la storia d’impresa di HiRide Suspension

Prodotti menzionati
Il punto di svolta da idea a startup

La storia di HiRide Suspension S.r.l. è iniziata nel marzo 2017 quando Domenico Borgese, il fondatore di questa tech startup, stava pedalando lungo il percorso dell’Eroica in Chianti, Toscana. 

“Sono un ciclista appassionato di innovazione” ha raccontato Domenico. “Fin da piccolo ho pedalato ispirandomi a Pantani e crescendo questo sport mi ha insegnato che un obiettivo può essere raggiunto se alla base ci sono sacrificio e determinazione. Questi sono i valori che ho portato dentro HiRide e che trasmetto a tutto il mio team. La mia ambizione è stata sempre quella di creare un qualcosa che potesse aumentare la performance del ciclista, partendo prima di tutto da me stesso.”

Sospensioni elettroniche per il ciclismo: un’idea nata pedalando

Sospensioni elettroniche HiRide: Domenico Borgese“Durante una pedalata sul percorso dell’Eroica in Chianti, ho capito che avevo bisogno di una sospensione che mi aiutasse ad affrontare terreni non lineari e che fornisse la massima rigidezza sull’asfalto.” In questo modo è nata l’idea di HiRide, la sospensione elettronica intelligente

La startup vera e propria, HiRide Suspension S.r.l., è sorta poi a Milano all’interno di un gruppo d’imprese più ampio. L’idea alla base del progetto di Domenico è stata quella di portare la capacità di sviluppare tecnologia nel mondo automotive all’interno della sua passione: il ciclismo

“Sviluppata l’idea nel polo tecnologico milanese E-Novia, società che produce innovazione, siamo riusciti a creare i primi prodotti. HiRide comprende la dinamica del veicolo e su quale terreno la bici si trova durante la corsa, controlla la sospensione e determina la sua rigidezza in base all’elaborazione automatica dei dati raccolti.”

“La prima sfida importante è stata equipaggiare la bici di Pinarello nella Parigi-Roubaix del 2017 che ci ha visti impegnati giorno e notte. Il sacrificio ci ha ripagato: ad oggi HiRide ha fornito le sospensioni per il Team Sky Pinarello per il Giro delle Fiandre, Tour De France oltre alle Parigi-Roubaix.

I sogni per il futuro sono ambiziosi: “Tra 5 anni, ogni ciclista correrà con una sospensione HiRide.”

Le difficoltà incontrate lungo il percorso

Tra le prime difficoltà incontrate lungo il percorso – ci ha riferito Domenico – c’è stata quella di riuscire a trovare un punto di equilibrio tra le aspettative riguardo le esigenze del mercato e le esigenze reali del mercato di riferimento. Questa difficoltà, però, è stata superata grazie al contatto con i clienti e ad un po’ di umiltà.

L’importanza del digitale per le aziende secondo Domenico Borgese di HiRide

Domenico racconta: “Il digitale è fondamentale perché, nonostante siamo un’azienda che fa hardware fondamentalmente, uniamo all’hardware dei servizi digitali che rendono sicuramente l’esperienza del ciclista molto più coinvolgente e appassionante.” 

HiRide Suspension S.r.l. ha scelto GoDaddy perché lo ritiene un provider affidabile e sicuro.

Ascolta l’intervista che GoDaddy ha fatto a Domenico Borgese in occasione del GoTour legato al concorso Vere Imprese, contest dedicato alle PMI, imprese individuali e tech-startup italiane che si è svolto nel 2019.