La storia d’impresa di Tamatara

Prodotti menzionati
Un marketplace dedicato alla stampa 3D

Tamatara è una start-up creata da Andrea Baldini e Gabriele Tamburelli. L’idea dei due giovani imprenditori è quella di fornire una nuova piattaforma marketplace dedicata al mondo della stampa 3D creando un collegamento tra designer, maker e clienti. 

Andrea e Gabriele ci hanno raccontato che tutto ha avuto inizio in un torrido giorno di agosto 2017, mentre Andrea stava guidando. In quel momento gli è sorta in mente l’idea che nel giro di poche settimane l’ha spinto a cercare un socio (Gabriele) e ad intraprendere il percorso per creare una start-up. A dicembre 2017 i due hanno definito il nome della loro impresa e acquistato i domini .it e .com su GoDaddy. In quel momento è nata Tamatara

Andrea Baldini, co-founder di Tamatara
Andrea Baldini

I due giovani co-founder ci hanno spiegato cosa li ha portati ad aprire il loro business: “Il sogno di Andrea è sempre stato quello di avere tanti sogni. Il sogno di Gabriele quello di realizzare un’idea tutta sua. Conoscerci ci ha portati a realizzarli entrambi. In certi momenti della vita bisogna fare il cosiddetto “salto della fede”, e possiamo dire (con orgoglio) di averlo fatto.”

“L’idea alla base della nostra impresa è la realizzazione di una piattaforma marketplace in grado di mettere in contatto clienti e designer di tutto il mondo, i quali mostreranno i loro lavori e progetti nella nostra vetrina sotto forma di ‘classico catalogo eCommerce’. Una volta scelto un oggetto da questo catalogo, oppure creato da zero e su misura, il cliente si affiderà alla tecnologia della stampa 3D per realizzarlo al momento dell’ordine. Qui entrerà in gioco il terzo soggetto, il maker, colui che ha abilità artigiane e conoscenze digitali per poter utilizzare tale tecnologia. Clienti e Artigiani Digitali (designer e maker), collegati con la semplicità di un classico eCommerce ma con servizi unici dettati dall’originalità di tale tipologia di business.”

Quali sono state le sfide affrontate durante il percorso?

Gabriele Tamburelli di Tamatara
Gabriele Tamburelli

“Molte sfide affrontate, da soli nessuna. Alcune sono state il metterci in gioco totalmente in campi anche poco esplorati: la nascita di una business idea, linguaggi diversi e complessi, la burocrazia, il fatto di sbagliare e rimettersi in discussione, non sbagliare ma mettersi in discussione ugualmente, investire denaro e tempo togliendolo alla famiglia. Le abbiamo superate grazie alla nostra duttilità, un po’ di follia, le nostre famiglie e il nostro rapporto, diretto e onesto. Da soli non si può riuscire a fare tutto questo, è impossibile.”

Qual è il valore aggiunto di Tamatara e dove vi vedete da qui a 5 anni?

“La nostra impresa può dare una vetrina lavorativa a tantissime persone, semi-professionisti e professionisti, dallo studente alla piccola impresa, i quali possono realizzare oggetti unici ad un prezzo contenuto per clienti di tutto il mondo. Si tratta di un mercato di nicchia ma al tempo stesso con potenziale di espansione (tanti indicatori ci portano a pensarlo), senza considerare che ogni oggetto prodotto è artigianale ed unico.”

“Tra 5 anni ci piacerebbe essere leader nel mercato italiano in questo settore, riuscendo a diffondere la cultura della stampa 3D, pronti a lanciarci nel mercato internazionale. Avremo dato lavoro a molti artigiani digitali soddisfacendo clienti fino a poco prima ignari di tali possibilità.”

Nel 2019, Tamatara ha partecipato al Concorso Vere Imprese di GoDaddy, il contest dedicato alle PMI, tech startup e imprese individuali italiane.