Marketing via email di GoDaddy Aiuto

Bip bip... calcoli... calcoli... inizio sequenza 42...
Ci risiamo con quei pazzi robot! Hanno tradotto questa pagina nella tua lingua. I robot hanno le migliori intenzioni. Vogliono aiutarti. Premi i pulsanti al fondo della pagina per farci sapere che cosa pensi del risultato. Vai alla versione inglese

Prima di acquistare una mailing list, leggi qui!

Forse sei una nuova azienda e non hai una base di clienti. Forse hai un servizio che sei sicuro che le persone adoreranno ... se solo sentissero parlare di te. Qualunque sia la ragione, l'acquisto di un elenco di email sembra un modo facile ed economico per far crescere la tua attività. Tuttavia, gli acquisti comportano alcune serie conseguenze. E ci sono reali vantaggi nell'usare un elenco di consenso esplicito!

Che cos'è un elenco di consenso esplicito?

Vedrai spesso termini come consenso , autorizzazione , iscrizioni e iscrizione . Se usati correttamente, tutti significano che la mailing list è composta da persone che:

  • Sei un tuo cliente recente o
  • Hai accettato di ricevere aggiornamenti via email direttamente da te, o
  • Ti sei iscritto o ti sei iscritto tramite un modulo di iscrizione online sul sito web, sulla pagina di destinazione o sul profilo social della tua azienda.

Che cos'è un elenco di email acquistate?

Ci sono molti venditori là fuori che vendono elenchi o li noleggiano (anche se il noleggio significa che il venditore dell'elenco mantiene la proprietà e il controllo della lista email). Si tratta di raccolte di indirizzi email che i fornitori vendono a qualsiasi azienda o individuo che può pagare le tariffe. Il tuo elenco di email è considerato un elenco acquistato o condiviso se ti viene fornito da una terza parte, come un fornitore di elenchi di email o un affiliato. Ci sono alcuni modi che i fornitori di costruire questi non opt-in mailing list.

Un metodo comune è qualcosa che probabilmente ti sei imbattuto. Pensa a quei banner pubblicitari lampeggianti che vedi in tutto il web. Dicono cose come "Congratulazioni, hai vinto un iPad gratis". Oppure "Sei il nostro milionesimo visitatore, fai clic per richiedere il tuo premio!"

Se facessi clic su quel banner, supereresti le domande del sondaggio in cui ti chiedono informazioni su età, reddito e raccolgono altre informazioni utili per inserirti in categorie che possono quindi offrire come opzioni "mirate" per gli operatori di marketing. Raccolgono anche il tuo indirizzo email.

Un altro metodo di raccolta si verifica quando i fornitori di elenchi acquistano elenchi di email da fiere del settore (o altri eventi) in cui le persone forniscono le proprie informazioni durante il processo di registrazione. Non è la stessa cosa delle persone che si sono iscritte con te, direttamente, al tuo stand! È qui che i fornitori di elenchi acquistano l'intero elenco di registrazione presso la fiera.

I sondaggi online sui consumatori possono spesso essere una fonte di indirizzi email. Al navigatore web potrebbe essere chiesto di compilare un sondaggio e inserire il proprio indirizzo email per ricevere offerte che troveranno interessanti.

Se ti registri per qualcosa e i termini includono parole come "Iscriviti per ricevere gli aggiornamenti da noi e i nostri partner che pensiamo ti piacerà ", è probabile che il tuo indirizzo email venga raccolto per un elenco condiviso o venduto. Un sottoinsieme di questo metodo è chiamato co-registrazione . Qui è dove ti registri su un sito web, ma anche quel sito web automaticamente, o quasi automaticamente, ti iscrive ad altri siti. Tentano di legittimare questo aspetto informandoti delle iscrizioni aggiuntive o fornendo caselle da deselezionare. Questa è una situazione in cui non è intenzione dell'iscritto registrarsi per il materiale che riceverà .

Il metodo meno salubre per creare questi elenchi è la raccolta di email . Questo è il momento in cui i fornitori utilizzano i bot per eseguire la scansione del Web e raccogliere indirizzi email da siti Web, forum e sezioni di commenti. A volte, le persone con uno stipendio basso e che soffrono di molto tempo sono pagate per estrarre manualmente gli indirizzi email dai siti web. Non molto carino!

Posso acquistare un elenco di partecipazione?

Il reclamo:

Gli elenchi di email di consenso alla vendita sono elenchi di contatti che hanno accettato di ricevere email da mittenti di terze parti.

La verità:

No. Non esiste un elenco di consenso esplicito in vendita!

Il fatto è che i client di posta elettronica come Gmail, Yahoo e Hotmail non considerano gli elenchi acquistati o gli elenchi forniti da terzi come un consenso esplicito. Le chiamano email commerciali/in blocco non richieste. Se le persone a cui stai inviando un'email non si sono registrate direttamente con te (e solo con te!), La procedura è considerata non richiesta.

Qual è la cosa peggiore che può succedere?

Beh, è abbastanza facile rispondere. C'è un grosso svantaggio nell'acquistare un elenco di email piuttosto che farlo crescere da solo. Ecco 5 motivi per cui non è una buona idea acquistare una mailing list:

  1. Gli elenchi acquistati danneggiano la consegna nelle caselle di posta

    L'utilizzo di un elenco acquistato significa che non stai rispettando le linee guida dell'ISP e del client di posta elettronica. Inoltre, gli elenchi acquistati spesso generano un numero elevato di messaggi respinti, vengono contrassegnati come spam dai destinatari e presentano una bassa percentuale di lettura.

    Tutto questo significa che presto verrai notato dai filtri dell'ISP e invece di raggiungere potenziali clienti, ti ritroverai nella cartella spam dei lettori.

    Ma aspetta, c'è di più!

    Ci sono organizzazioni chiamate blacklist come Spamhaus e altre organizzazioni di filtraggio come Cloudmark e Brightmail. I client email come Yahoo, Gmail e Hotmail si affidano a loro per bloccare lo spam (evviva!). Queste blacklist lasciano trappole spam o honeypot che i venditori di liste ombreggiate possono raccogliere. Quindi, se uno di questi indirizzi email finisce nella tua lista di acquisti, sei in grossi guai! È come avere un credito scadente: può volerci molto tempo e molto duro lavoro per ricostruire la fiducia con le blacklist e fino a quando non lo fai, avrai scarsi risultati di consegna anche se hai smesso di usare la mailing list acquistata.

  2. Servizi di email marketing affidabili non ti consentono di utilizzare gli elenchi acquistati

    GoDaddy Email Marketing e altre app affidabili per le newsletter non consentono gli elenchi di email acquistati. Ciò significa che per inviare messaggi alle liste che hai acquistato, dovrai usare un servizio “poco affidabile” che probabilmente è già presente negli ISP e nelle liste di blocco.

    Sei conosciuto dall'azienda che gestisci e se condividi indirizzi IP con mittenti noti per email non richieste otterrai risultati negativi e una cattiva reputazione.

  3. Bassi tassi di risposta perché i destinatari non ti conoscono

    Quando un'azienda di cui non hai mai sentito parlare ti invia un'email di marketing, probabilmente la contrassegni come spam o semplicemente elimini l'email. L'invio a un elenco email acquistato non genererà fiducia né creerà una relazione con il potenziale cliente.

    Quando acquisti una mailing list, non stai prendendo provvedimenti per creare un coinvolgimento positivo con i clienti. Invece, speri che i pochi risultati che potresti ottenere superino in qualche modo le risposte negative che di solito ricevono le email non richieste.

  4. Tassi di risposta bassi perché gli indirizzi email sono di scarsa qualità

    Molte persone usano indirizzi email usa e getta quando sono costrette a fornire le proprie informazioni. Ciò è particolarmente vero per i metodi utilizzati dai venditori di elenchi per raccogliere gli indirizzi email. Quando acquisti un elenco di indirizzi email, in realtà stai acquistando una grande quantità di indirizzi email inutilizzati.

    Anche la fatica dell'elenco è una preoccupazione. Se stai acquistando un elenco da una fiera, tieni presente che anche gli altri fornitori presenti nella fiera, e anche le aziende che hanno acquistato l'elenco, inviano un'email a questi destinatari. Quando raggiungerai le caselle di posta dei destinatari, quei lettori saranno esauriti dalla raffica di email commerciali non richieste che stanno ricevendo.

  5. ROI (ritorno sull'investimento) scarso

    Come azienda, dovresti massimizzare gli investimenti che fai, incluso l'investimento nel marketing via email. L'acquisto di una lista è uno spreco di denaro, danneggia la reputazione del mittente e abbassa il valore di qualsiasi invio legittimo di email. Seriamente, non ne vale la pena!

Allora, come creare una mailing list sana ed efficace?

Ci sono alcune cose che puoi fare per far crescere la tua lista di email in modo positivo senza ricorrere all'acquisto di una lista.

Uno dei modi più efficaci per ampliare il tuo elenco è utilizzare i moduli di iscrizione sul tuo sito web. Aggiungendo il modulo di iscrizione a Facebook alla pagina aziendale e condividendo il link del modulo di iscrizione su altri social network come Twitter, si ottengono ottimi risultati.

Attingi alla tua base di clienti esistente per ampliare il tuo elenco di email e offrire offerte speciali esclusivamente nelle tue newsletter via email. Chiedi ai clienti di registrarsi ogni volta che acquistano qualcosa e offri incentivi se spargono la voce.

Resta attivo sui canali social e assicurati di condividere le tue newsletter ovunque possibile. Questo amplia la portata delle tue newsletter e incoraggia le iscrizioni.

Non arrenderti! Creare una mailing list sana richiede tempo, ma ne vale la pena!

Argomenti correlati:

Best practice e consigli per il marketing via email
Come aggiungo nuovi contatti ai miei iscritti?
Qualche altro suggerimento per facilitare la consegna delle email?


Questo articolo è stato di aiuto?
Grazie per il tuo feedback. Per parlare con un addetto dell’assistenza clienti, usa il numero di telefono o l’opzione chat qui sopra.
Felici di esserti stati di aiuto! C'è altro che possiamo fare per te?
Ci dispiace. Dicci che cosa hai trovato di poco chiaro o perché la soluzione non ha risolto il problema.